BRIT FLOYD 8 Novembre

’40 Years of The Wall’, il ritorno dei Brit Floyd con il più grande show dedicato ai Pink Floyd!

Quarant’anni fa i Pink Floyd pubblicavano “The Wall”, il concept album che avrebbe cambiato la dimensione del rock psichedelico. Per celebrare l’evento i Brit Floyd, una delle più famose tribute band al mondo del gruppo di David Gilmour, torna in Italia con uno spettacolo speciale dedicato all’opera rock che ha segnato tutte le generazioni della musica moderna.

Un fenomeno mondiale, quello dei Brit Floyd, forte di un tour di 110 concerti solo fra gli Stati Uniti e il Canada e oltre 1 milione di biglietti venduti per i loro spettacoli. Non si tratta di una “cover band”, ma del più grande tributo dal vivo al mondo dei Pink Floyd, con uno straordinario spettacolo di luci, un grande schermo circolare e il tradizionale arco, proiezioni in alta definizione, laser, gonfiabili, una scenografia imponente e i filmati originali del tour dei Pink Floyd.

SCHOOL OF ROCK 21 Dicembre

Si è chiuso a Trieste tra standing ovation e fiumi di applausi il primo Tour di School of Rock, il musical che Andrew Lloyd Webber ha tratto dal film di Richard Linklater del 2003 arrivato in Italia grazie a Massimo Romeo Piparo che ne ha curato l’adattamento e la regia. Il musical, con Lillo protagonista, sarà di nuovo in scena nei teatri delle più importanti città italiane a partire dal prossimo autunno.

Lillo – Pasquale Petrolo – sarà nei panni di un incallito chitarrista rock che, senza lavoro, per vivere si improvvisa insegnante in un istituto di prestigio, creando una favolosa rock band di bambini. In scena con lui 25 artisti, con 12 giovanissimi dall’Accademia del Sistina, e due band dal vivo: quella del Maestro Emanuele Friello e quella dei ragazzi.

HARLEM GOSPEL CHOIR 18 Dicembre

Le loro armoniose voci cariche di amore, speranza e ispirazione toccheranno la tua anima in profondità, solleveranno il tuo spirito e ti toglieranno il respiro”. È il più famoso coro gospel del mondo e uno dei più longevi. Fondato nel 1986 da Allen Bailey per le celebrazioni in onore di Martin Luther King, l’Harlem Gospel Choir è formato dalle più raffinate voci e dai migliori musicisti delle Chiese Nere di Harlem e di New York e gira il mondo condividendo la gioia nella Fede e raccogliendo fondi da devolvere in opere di bene.

Scelti anche dagli U2 nel 1988 per il video di “I Still Haven’t found What I’m Looking For”, in oltre 30 anni di grandiosa carriera l’Harlem Gospel Choir ha sempre cercato di oltrepassare barriere culturali unendo nazioni e persone e condividendo attraverso la propria musica il messaggio di amore, pace e armonia con migliaia di persone di nazioni e culture diverse. Sono l’unico coro gospel ad essersi esibito per due Papi (Giovanni Paolo II e Benedetto XVI), due Presidenti degli Stati Uniti d’America (Carter e Obama), la Famiglia Reale, Nelson Mandela e in eventi di rilievo mondiale, quali l’International Broadcast Memorial a Times Square per Michael Jackson, il 60° compleanno di Elton John e tantissimi altri. Vere e proprie superstar mondiali hanno voluto inoltre collaborare con loro: da Bono degli U2 a Keith Richards dei Rolling Stones, dal Maestro Andre Rieu a Diana Ross, dai The Chieftains a Ben Harper e Pharrell Williams. Nell’ultima edizione dei Grammy Awards hanno cantato assieme a Sam Smith, una delle più importanti voci contemporanee, riconfermando che le loro armoniose voci sono davvero senza tempo e senza fine.

Ogni loro concerto è entusiasticamente contagioso, un giro sulle montagne russe del canto e della danza: un’autentica celebrazione del migliore Gospel. A dicembre l’Harlem Gospel Choir parte in tour con un nuovissimo show, che li vedrà cantare sui principali palchi di tutti il mondo i più famosi brani della tradizione gospel, da Oh Happy Day ad Amazing Grace, alternati a brani gospel contemporanei, alcuni successi pop riarrangiati e rivisitati in chiave gospel e uno speciale omaggio al grande Prince.

L’Harlem Gospel Choir si batte, attraverso la propria musica, per creare una migliore comprensione della cultura Afro-Americana e della musica Gospel, cercando di condividere i propri valori e i propri messaggi con migliaia di persone in tutto il mondo, che diventano parte integrante delle loro entusiasmanti performance dal vivo. Profondamente radicata nella storia della schiavitù africana in America, la musica gospel può essere ritrovata lungo il corso del 1700 quando gli schiavi africani portarono la loro eredità musicale africana in America, combinandola con la nuova fede Cristiana. Dalle difficoltà e dalle prove di schiavitù, questa tradizione unica ha cambiato per sempre la musica per come era conosciuta. Blues, Soul e il Rock ‘n’ Roll, tutti hanno origine dal gospel nero.