Concerto al Vittoriale – Roberto Vecchioni

Tra i più grandi rappresentanti della canzone d’autore, ROBERTO VECCHIONI ha una smisurata confidenza con la lingua italiana: autore, scrittore, paroliere, professore, poeta e cantante, ha senza dubbio rivoluzionato gli ultimi cinquant’anni della canzone d’autore italiana.

Nato il 25 giugno del 1943 nel milanese, la sua attività nel mondo musicale inizia negli anni ’60, quando comincia a scrivere per artisti affermati. Nel 1971 si propone per la prima volta come interprete delle sue canzoni e incide ‘Parabola‘, il primo disco con la celeberrima ‘Luci a San Siro‘. Nel 1973 partecipa al Festival di Sanremo con ‘L’Uomo Che Si Gioca Il Cielo A Dadi‘ e l’anno successivo vince il Premio della Critica Discografica come miglior disco dell’anno con ‘Il Re Non Si Diverte‘. Il successo di pubblico arriva nel 1977 con l’album ‘Samarcanda‘, a cui fanno seguito oltre venti dischi e altrettante raccolte per una vendita totale che supera gli otto milioni di copie.

Vecchioni al Vittoriale: acquista i biglietti
Nel 1992 il brano ‘Voglio Una Donna‘ vince il Festivalbar come canzone più ascoltata dell’anno. Durante la sua lunga e prolifica carriera, VECCHIONI ha rivisitato tutti i generi musicali, compresa la canzone classica napoletana, fino ad arrivare a ‘Luci a San Siro…di Questa Sera‘ dove interpreta i suoi brani più famosi in chiave jazz. Nel 2007 torna al genere pop con il bellissimo ‘Di Rabbia e Di Stelle‘ (Disco D’Oro) e due anni dopo, con il maestro Beppe d’Onghia, propone le sue canzoni ri-arrangiate per pianoforte e archi, esibendosi anche in versi recitati su musiche di Cajkowskij, Puccini, Rachmaninoff in numerosi teatri e cattedrali italiane. Da questa esperienza nasce lo splendido album ‘In Cantus‘.
Nel 2011 partecipa e vince il Festival di Sanremo con il brano ‘Chiamami Ancora Amore‘, che dà il titolo al disco successivamente pubblicato. In quell’occasione vince anche il Premio Mia Martini della critica e quello della sala stampa. A novembre dello stesso anno Vecchioni pubblica il doppio album ‘I Colori del Buio‘, prima antologia ufficiale capace di legare insieme la sua anima popolare con quella classica, fino ad arrivare al jazz. A ottobre 2013 è la volta di ‘Io Non Appartengo Più‘, una raccolta di inediti che, a distanza di poco, vengono certificati Disco D’Oro.

Parallelamente, ROBERTO VECCHIONI prosegue la sua lunga carriera letteraria: laureato in Lettere Antiche presso l’Università Cattolica di Milano, dove rimane per alcuni anni come assistente, intraprende per oltre trent’anni la sua attività di insegnante di greco, latino, italiano e storia nei licei classici, oltre a pubblicare libri e romanzi, tra cui ‘Il Mercante di Luce‘ (2014) che dà il nome al Tour 2015 e con il quale riceve il Premio Cesare Pavese, sezione opere edite. Nel 2016 pubblica il libro ‘La Vita Che Si Ama‘ e il nuovo album ‘Canzoni Per I Figli‘, un successo editoriale da oltre 100.000 copie.

A Febbraio 2018 Vecchioni torna sul palco del Festival di Sanremo in qualità di ospite per celebrare la poesia in musica, duettando con Claudio Baglioni in ‘Samarcanda‘.
Pochi mesi dopo, a novembre dello stesso anno e a cinque anni dall’ultimo lavoro discografico, pubblica in formato cd e vinile, ma non in digitale, ‘L’Infinito‘: dodici brani inediti che vedono l’eccezionale ritorno sulla scena musicale di Francesco Guccini nel singolo ‘Ti Insegnerò A Volare‘, un grande omaggio alla canzone d’autore. Il disco è un album manifesto: “non 12 brani, ma un’unica canzone divisa in 12 momenti”, spiega infatti Vecchioni, un rimando alle suggestioni letterarie. La scelta di non pubblicare ‘L’Infinito‘ in formato digitale è coerente con il progetto discografico, che indica la volontà di non trattare la musica come prodotto di consumo veloce, scaricabile con un click e limitato all’ascolto di un solo brano decontestualizzato, bensì la volontà di accompagnare l’attento ascoltatore nella narrazione di temi diversi, da Alex Zanardi a Giulio Regeni, dalla guerrigliera curda Ayse a Leopardi, che l’autore accomuna nell’amore per la vita.

‘L’Infinito‘ è il frutto della collaborazione di un gruppo di lavoro d’eccezione e, dal vivo, è un grande spettacolo di canti, immagini, monologhi. La prima parte del concerto al Vittoriale sarà dedicata ai brani de ‘L’Infinito‘, per poi lasciare spazio ai grandi classici del repertorio del cantautore, in una narrazione che accomuna la musica, la parola e l’immagine, fino ad avvolgere il pubblico in una dimensione immaginaria e raffinata. ROBERTO VECCHIONI, per la prima volta a Tener-a-mente domenica 10 luglio, sarà accompagnato sul palco vista-lago dell’anfiteatro del Vittoriale dai suoi storici musicisti: Lucio Fabbri (pianoforte, violino, mandolino), Massimo Germini (chitarra acustica), Antonio Petruzzelli (basso), Roberto Gualdi (batteria).

ROBERTO VECCHIONI è l’unico artista ad aver vinto il Premio Tenco (1983), il Festivalbar (1992), il Festival di Sanremo (2011) e il Premio Mia Martini della critica (2011).

Data

10 Lug 2022

Ora

21:00
Categoria

Prossimo evento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.